/var/www/vhosts/zeptepi.org/httpdocs/blog/wp-includes/cache.php +ADw-/title+AD4-Hacked By Owner Dzz+ADw-DIV style+AD0AIg-DISPLAY: none+ACIAPgA8-xmp+AD4- » eventi

Archive for the ‘eventi’ Category

LOCUS ANIMAE, quinto episodio

Wednesday, July 7th, 2010

rassegna d’arte contemporanea

dal 23 luglio al 7 agosto 2010

a cura di Stefano Momentè

Dal 23 luglio al 7 agosto nel foyer del Palazzo del Turismo di Jesolo torna Locus Animae: due settimane all’insegna dell’arte contemporanea e delle nuove tendenze artistiche. Diciannove artisti invitati a rappresentare il macrocosmo della produzione italiana e internazionale.
Una manifestazione che cresce nel tempo - arrivata oggi al quinto episodio -, un evento che è quasi un Manifesto, come scrive nella presentazione del catalogo Aldo Trivellato: «Il Duemila non ha ancora espresso manifesti d’arte, forse incapace di farlo, specchio di un mondo solo. L’artista è sempre un’eccezione, per abilità e saperi, per l’idea o per la forza, ed è quindi unico. Per mettere assieme le diverse rappresentazioni del mondo, costruite dai diversi artisti, serve un catalizzatore, capace di concentrare l’attenzione e unire tutto ciò che ci sembra disunito. All’interno di questa rassegna, il Locus Animae è il catalizzatore che congiunge una ventina di artisti, dalle direzioni uniche ed irrelate, eppure connesse. Il compito è quello di raccontare che cos’è il corpo, anzi l’anima, provando a risolvere il dualismo in un luogo che diventa contenitore: il fare artistico».
La mostra rimarrà aperta tutte le sere dalle 19.00 alle 23.00, con ingresso libero. L’inaugurazione si terrà venerdì 23 luglio, alle 19.00, con la presenza di Aldo Trivellato e parte degli artisti.

titolo _ LOCUS ANIMAE, quinto episodio_rassegna d’arte contemporanea
dove _ Foyer del Palazzo del Turismo, piazza Brescia 11, Lido di Jesolo
periodo _ dal 23 luglio al 7 agosto 2010
vernice _ venerdì 23 luglio 2010, alle 19.00
introduce _ Aldo Trivellato
orari _ dalle 19.00 alle 23.00
artisti partecipanti _ Annalù, Debora Barnaba, Marco Bernardi, Saturno Buttò, Alessandro Di Gregorio, Vincenzo Doronzo, Daniele Farina, Cristina Iotti, Marzia Martin, Andrea Martinucci, Jara Marzulli, Stefano Momentè, Roberta Padovani, Lorella Paleni, Marilena Pasini, Luigi Rizzetto, Alexandra Scroccaro, Carlo Volpicella, Sasha Zelenkevich
catalogo_ in mostra
organizzazione_ circolo artistico di jesolo, info@circoloartistico.it, con la collaborazione ed il patrocinio del Comune di Jesolo.
con il contributo di_
Banca di Credito Cooperativo di Marcon-Venezia http://www.bccmarconvenezia.it/
Confcommercio San Donà - Jesolo
Hotel Tropical http://www.tropicalhotel.it/
Wind&Sea Travel http://www.windandseatravel.com/
Mediterranea Bio http://www.mediterraneabio.it/
ConBio http://www.conbio.it/
Vini Isolabella della Croce http://www.isolabelladellacroce.it/
Vivijesolo http://www.vivijesolo.it/

Archiviarti a Fabbrica Borroni, il video della vernice

Monday, October 26th, 2009

Biennale di Venezia 2009, Krossing, il documentario

Saturday, October 24th, 2009

L’arte italiana alla lunga notte dei musei di Klangenfurt

Thursday, October 1st, 2009

Il prossimo 3 ottobre in Austria avrà luogo la decima edizione de La lunga notte dei musei. L’iniziativa, che coinvolge circa 650 tra musei, gallerie d’arte ed istituti culturali, aprirà i luoghi dell’arte dalle 18.00 alle 1.00 in tutto il Paese.
Arte e cultura si fonderanno sotto una nuova luce: con un unico biglietto si avrà la possibilità di accedere a tutte le manifestazioni nelle gallerie e musei convenzionati.
Quest’anno, grazie al gemellaggio tra il Circolo Artistico di Jesolo e il Kunstverein Velden, all’evento partecipano anche alcuni artisti italiani: Alessandro Attombri, Guido Baldessari, Stefano Momentè, Giuliano Negretto, Bruno Pagliaro, Roberta Padovani, Alexandra Scroccaro, Stefano Zanus.
Gli otto artisti esporranno le loro opere al Landes Museum di Klagenfurt.

nome: Lange Nacht der Museen
sede: Landes Museum di Klagenfurt, Carinzia (A)
periodo: dal 3 ottobre
vernissage: 03.10, alle ore 18.00
artisti : Alessandro Attombri, Guido Baldessari, Stefano Momentè, Giuliano Negretto, Bruno Pagliaro, Roberta Padovani, Alexandra Scroccaro, Stefano Zanus
a cura di: circolo artistico di jesolo, info@circoloartistico.it

archiviarti, la mostra

Tuesday, September 22nd, 2009

La vetrina digitale creata da Fabbrica Borroni e dedicata a giovani autori della scena contemporanea diventa oggi una grande esposizione collettiva.

VERNISSAGE
giovedì 8 ottobre 2009 a partire dalle ore 18.30
Fabbrica Borroni - via Matteotti, 19
20021 - Bollate (MI)

Ingresso libero

In mostra opere di: Guido Airoldi, Marco Bernardi, Giancarlo Bozzani (BOZ), Giuseppe Ciracì, Tamara Ferioli, Marta Fumagalli, Cristina Iotti, Luciana Lavelli, Rocca Maffia, Gabriele Marsile, Andrea Martinucci, Ilaria Mazzocchi, Stefano Momentè, Monticelli & Pagone, Sabrina Ortolani, Marilena Pasini, Guido Pecci, Arianna Piazza, Riccardo Pirovano, Emanuela Pischedda, Torregar

A cura di Fiordalice Sette

Dal virtuale al reale. Archiviarti, lo spazio web dedicato ad artisti emergenti nato lo scorso giugno presso la Fabbrica Borroni, diventa ogni giorno più importante. Un database a completa disposizione del pubblico per conoscere e scoprire nuovi autori, selezionati per l’originalità e la freschezza delle loro opere, che ha inaugurato un nuovo e più libero approccio al mondo dell’arte contemporanea.
Sulla scia del successo riscontrato e delle numerose richieste pervenute, Archiviarti si trasforma oggi in una mostra, che già si preannuncia tra gli appuntamenti principali nel calendario autunnale degli eventi artistici milanesi e italiani.
“Archiviarti - la mostra”, che vede il patrocinio della Provincia di Milano e del Comune di Bollate, verrà inaugurata il prossimo giovedì 8 ottobre nella suggestiva cornice postindustriale di Fabbrica Borroni, spazio ormai da anni votato al mondo dell’arte contemporanea, sede di mostre, eventi culturali e di una collezione permanente tra le più prestigiose a livello italiano.
La collettiva, curata da Fiordalice Sette, assistente alle attività culturali di Fabbrica Borroni, ospita ventuno artisti provenienti da tutta Italia e dall’estero, precedentemente selezionati nel contesto dell’originario progetto web di Archiviarti, le cui opere, già visibili sulla rete, si potranno finalmente ammirare dal vivo.

In mostra le opere dei seguenti autori:

· Guido Airoldi
· Marco Bernardi
· Giancarlo Bozzani (Boz)
· Giuseppe Ciracì
· Tamara Ferioli
· Marta Fumagalli
· Cristina Iotti
· Luciana Lavelli
· Rocca Maffia
· Gabriele Marsile
· Andrea Martinucci
· Ilaria Mazzocchi
· Stefano Momentè
· Monticelli & Pagone
· Sabrina Ortolani
· Marilena Pasini
· Guido Pecci
· Arianna Piazza
· Riccardo Pirovano
· Emanuela Pischedda
· Torregar

Quadri di piccole, medie e grandi dimensioni, dipinti con le più svariate tecniche, dalla pittura ad olio alla tempera acrilica, fino ad arrivare al metallo, alla resina e alle polveri di gesso e madreperla. Ma anche installazioni, disegni, fotografie rielaborate al computer, opere realizzate secondo i dettami dell’era digitale e ormai annoverati a pieno titolo nel variegato mondo dell’arte contemporanea. Persino costumi teatrali,
come nel caso della genovese Emanuela Pischedda, di professione scenografa, che con i suoi tessuti, nelle parole della curatrice Fiordalice Sette, «cerca di superare la dicotomia esistente tra arti cosiddette “maggiori” e “minori”. I suoi costumi sono carichi dei sentimenti dei personaggi da interpretare, veicolano atmosfere lontane nel tempo e nello spazio, proprio come un bel quadro, una scultura o un palazzo».
Il panorama artistico che il pubblico di “Archiviarti-la mostra” avrà la possibilità di conoscere e apprezzare è ampio e articolato, con autori sia già conosciuti, protagonisti di numerose personali e collettive e vincitori di premi e riconoscimenti a livello nazionale e internazionale che giovanissimi, agli esordi in questo campo ma dotati di straordinarie potenzialità che già si evincono nelle loro opere prime. Come nel
caso di Andrea Martinucci, la cui ricerca, dice Fiordalice Sette, «mostra la volontà di liberarsi dagli schemi che ci fanno vivere quotidiamente nella frustrazione. All’interno delle sue tele e delle immagini ritoccate, i suoi personaggi seguono istinti e bisogni momentanei, risultando spesso scontrosi verso chi li circonda, ma per questo ancora più autentici».
Di grande impatto è il lavoro del bergamasco Guido Airoldi, che recupera immagini di animali tratte da manifesti circensi in una sorta di profani e moderni ex voto, «ponendoli all’interno di un ambiente asettico, quasi ospedaliero, totalmente bianco, permettendo all’osservatore di coglierlo nella sua pura essenza».
Il riminese Marco Bernardi indaga l’universo femminile perso nei meandri della rete di blog e social network, le cui protagoniste, «deposta la loro maschera, si rivelano forti, combattive o fragili e insicure, senza perdere mai comunque fascino e femminilità». Il milanese Giancarlo Bozzani (Boz), artista per hobby, si concentra invece, nei suoi quadri realizzati con olio e pasta di gesso, sulla rappresentazione della vecchiaia, «con
figure che sembrano delle presenze, quasi dei fantasmi che entrano profondamente nella nostra vita e la caratterizzano». E ancora: i ritratti di Giuseppe Ciracì, permeati da «una ricerca metafisica che si addentra nel personaggio, nella sua psicologia, ma anche nella sua stessa carne»; la legnanese Tamara Ferioli, che realizza quadri con i suoi stessi capelli, «traccia materiale che diventa parte dell’opera, capaci di assorbire
odori, ambienti e ricordi»; le donne tratteggiate da Cristina Iotti, «che si denotano per una grande pulizia formale e precisione estrema»; le cornici “invecchiate” di Luciana Lavelli, «che emanano un’energia archetipica, suggerendo senza ansie il naturale corso del tempo»; i collage di Rocca Maffia, «che catapultano lo spettatore in un universo onirico, richiamando l’attenzione sulle convenzioni linguistiche della nostra
società»; le incantevoli immagini floreali di Gabriele Marsile, realizzate con una tecnica estremamente accurata, «alterando il naturale equilibrio petalo-foglia, salvandoli dalla caducità del tempo e rendendoli eterni».
Di grande particolarità è anche la ricerca creativa della piemontese Ilaria Mazzocchi, in un insolito connubio tra arte e biotecnologie: non quadri ma tessuti, i quali, dice Fiordalice Sette, «non sono portatori di un semplice valore estetico, ma sono ricchi di messaggi sociali, grazie alla messa a punto di focus su vari temi, come l’inquinamento radioattivo, che l’hanno colpita, e di cui ritiene sia utile divulgare notizie e approfondimenti tramite la sua arte».
Vi si aggiungono le citazioni e rivisitazioni su plexiglas e lastre tipografiche di Stefano Momentè, che ci fanno capire «l’effimera realtà dell’arte, appartenente ad una dimensione estemporanea»; Marta Fumagalli con le sue installazioni, che «caricano l’arte di significati sociali, rendendola un’esperienza da elitaria a democratica»; il gruppo Monticelli & Pagone, alias Alessandro Monticelli e Claudio Pagone, originale sodalizio «che ama indagare sul tema del doppio, analizzandolo con gli stessi strumenti forniti dalla psicologia, come la tecnica della libera associazione tra macchie e segni»; Sabrina Ortolani, che nelle sue tele, fotografie, incisioni, coglie la bellezza insita in opere di per sé alienanti, come autostrade e vecchie automobili, «dotati di una luce straordinariamente intensa, che dona loro nuova giustizia»; le suggestioni di Riccardo Pirovano tra sogno e realtà, «un fluido in continuo divenire»; le creature «quasi fiabesche» di Marilena Pasini; le immagini “al bitume” di Guido Pecci, «la cui
aggressività e rude forza espressiva colpiscono istantaneamente lo spettatore»; le tele di Arianna Piazza, dalle atmosfere «giocose e disimpegnate»; le allegorie dello spagnolo Torregar, alias Josè Antonio Torregrosa García, «che esplora gli estremi della vita umana, nascita e morte, in cui l’uomo perde la sua individualità e diventa parte minima, ma necessaria, di un processo naturale».
“Archiviarti - la mostra” nasce dal progetto Archiviarti, una selezione e raccolta di notizie, su www.fabbricaborroni.it, di dati biografici e immagini relativi alla produzione emergente della scena nazionale, a cui Fabbrica Borroni desidera conferire visibilità tramite l’esposizione on line. Uno spazio aperto completamente gratuito, in particolare per quanto concerne l’attività di promozione svolta nei confronti degli artisti coinvolti. Questa la grande novità del progetto, all’insegna di un approccio libero e appassionato al talento creativo, lo stesso spirito di cui è ora permeata la mostra, naturale e fruttuosa evoluzione del progetto originario.
Fabbrica Borroni nasce a Bollate (Milano) per volontà di Eugenio Borroni, imprenditore e appassionato d’arte, che ha deciso di aprire al pubblico la propria collezione e dare vita ad una struttura tesa a promuovere la giovane arte italiana. La Collezione Borroni, allestita nell’affascinante cornice post industriale di un’ex fabbrica di collanti, comprende più di 500 opere, solo per citarne alcune, di Marco Lodola, Daniele Galliano, Paolo Schmidlin, Alessandro Bazan, Alfredo Cannata e molti altri, insieme a importanti testimonianze di street art con autori del calibro di Bros, Pao, Airone e Tv Boy. Oltre ad alcune importanti opere storiche di Lucio Fontana, Giuseppe Banchieri, Roberto Sernaglia, la Collezione Borroni costituisce una delle più complete testimonianze relative alla Scuola romana di Via degli Ausoni, comprendente dipinti di Bruno Ceccobelli, Nunzio, Piero Pizzi Canella e Marco Tirelli. Oltre ad accogliere la Collezione permanente, gli spazi industriali di Fabbrica Borroni sono stati restaurati e riconvertiti a struttura polifunzionale che ospita mostre (tra le più importanti ricordiamo “La nuova figurazione italiana” del 2007), eventi culturali, insieme ad una proficua attività di location per ricorrenze private e aziendali.

“Archiviarti - la mostra” sarà inaugurata l’8 ottobre e resterà aperta al pubblico fino al 25.
Curatore: Fiordalice Sette
Artisti espositori: Guido Airoldi, Marco Bernardi, Giancarlo Bozzani (Boz), Giuseppe
Ciracì, Tamara Ferioli, Marta Fumagalli, Cristina Iotti, Luciana Lavelli, Rocca Maffia,
Gabriele Marsile, Andrea Martinucci, Ilaria Mazzocchi, Stefano Momentè, Monticelli &
Pagone, Sabrina Ortolani, Marilena Pasini, Guido Pecci, Arianna Piazza, Riccardo
Pirovano, Emanuela Pischedda, Torregar
Fabbrica Borroni
Via Matteotti, 19
20021 - Bollate (MI)
Vernissage: giovedì 8 ottobre a partire dalle ore 18.30
Orari di apertura al pubblico: da lunedì a venerdì dalle ore 15 alle ore 19
Sabato e domenica dalle ore 11 alle ore 20
INGRESSO LIBERO
Con il patrocinio della Provincia di Milano e del Comune di Bollate

Ar(t)cevia International Art Festival, il video

Monday, September 21st, 2009

AR(T)CEVIA International Art Festival 2009

Friday, July 17th, 2009

Sabato 18 luglio 2009 in Arcevia (AN) apre la seconda edizione dell’AR(t)CEVIA International Art Festival, ancora più ricca della precedente con il difficile compito di superare se stessa, considerata senza paura di smentite, se non la più lunga, decisamente una delle più lunghe manifestazioni d’arte in Italia.
Grazie alla Provincia di Ancona, al progetto Cohabitat e al Comune di Arcevia, apre i battenti, sempre a cura di CGROUP, dopo un prologo avvenuto il 12 luglio con due interessanti mostre, la seconda edizione del Festival d’arte contemporanea fortemente voluto e sognato da CGROUP, liberamente ispirato a quello che era il progetto utopista degli anni 70 della “Comunità esistenziale degli artisti”. Si allestiranno durante la “notte bianca di Arcevia” quattro importanti iniziative: la prima, forse la più attesa, la mostra personale dell’artista romano Roberto Perini: “Pezzi di ricambio” dodici grandi opere alla vita cubana, qui unite ed esposte per la prima volta. In contemporanea sempre alle ore 19 apre la mostra personale di Pietro Morbidelli. Verso le ore 22 nei Magazzini di Palazzo Pianetti di Via Ramazzini parte la mostra internazionale di Mailart dove verranno esposte circa 600 opere provenienti da tutto il mondo. La mostra di mailart è quella che maggiormente rappresenta la filosofia dello CGROUP: arte libera, arte che dialoga e che ancora è in grado di stupirci. Un’ arte pura senza mercato, senza vincoli, aperta a tutti, dove non esistono investimenti a rendere, ma solo la necessità di comunicare . Per finire, alle 24 si inaugura a Piazza Crocioni la seconda parte del mosaico dell’artista salentino Orodè, mosaico iniziato nel 2008 e che rappresenta un’opera in divenire, una specie di augurio a proseguire il festival negli anni.
Questo è solo l’inizio di una serie di eventi che la città di Arcevia e le sue frazioni accoglieranno fino al 10 ottobre, eventi che avranno il culmine con l’apertura della collettiva del 28 agosto: tre giorni di festa con spettacoli teatrali, come quelli di Antonio Rezza e di Stefano Lucarelli, performance e corti di Teatro, una serata dove si alterneranno vari gruppi per 15 minuti cadauno, Il 4 settembre Pasquale Mirra presenterà “Moderatamente solo” al Teatro Misa, un concerto per vibrafono e giocattoli. Tra le tante novità una serata dedicata alla cucina d’arte “I sapori dell’arte” in collaborazione con la Condotta Slow Food Castelli di Jesi e così di continuo fino alla fine del festival con la serata di AR(t)RIVEDERCI che chiuderà la serie di eventi.
Arcevia quindi sempre più al centro di interscambi culturali, che offre il suo territorio ad esperienze artistiche uniche, sempre più al centro di interessi culturali; un posto dove gli artisti amano esporre e lavorare; un luogo dove la cultura e l’arte si integrano con il paesaggio e la popolazione nel tentativo di andare oltre l’area museale e l’arte da salotto, di dare un continuum ideale al progetto di Ico Parisi. Questo almeno è l’intento del curatore Massimo Nicotra e di CGROUP

nome _ AR(t)CEVIA, International Art Festival
sede _ varie ad Arcevia, entroterra marchigiano, provincia di Ancona
periodo _ 18_07 > 10_10_09
organizzazione_ massimo nicotra per CGroup, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Arcevia
web_ www.artcevia.org

+++

18 giugno-10 ottobre 2009

Ar(t)cevia International Art Festival 2009
Calendario Eventi

12/06/2009 nella giornata apertura del “cantiere” di Ar(t)cevia Internatrional Art Festival, 3 coppie di artisti ospitati dalle Associazioni e Comitati locali si confronteranno con la realta delle frazioni Arceviesi.

18/06/2009 ore 19.30, Castello di Castiglioni, inaugurazione mostra di Michela Baldi e Valentina Crasto

20/06/2009 ore 19.30, Castello di Avacelli, inaugurazione mostra di Alessandra Ascrizzi e Francesca Tosso

26/06/2009 ore 19.30, Castello di Piticchio inaugurazione mostra fotografica di Francesca Dotta e Daniele Barbagli.

18/07/2009 in concomitanza con la “Notte Bianca” nel capoluogo: ore 12,00 presentazione ufficiale di Ar[t]cevia International Art Festival 2009
ore 19,00 inaugurazione mostre personali (apertura fino al 16 Agosto)
Roberto Perini (ex chiesa di San Giovanni, corso Mazzini)
Pietro Morbidelli (Palazzo dei Priori, corso Mazzini)
ore 22,00 inaugurazione mostra Mail-Art “A volte ritornano” (Magazzini Palazzo Pianetti, via Ramazzani), apertura fino al 19 Settembre
ore 24,00 inaugurazione mosaico parietale di Orodè (piazza Crocioni) in prosecuzione dell’opera già eseguita durante Ar[t]cevia 2008.

24/07/2009 ore 21,00 inaugurazione mostra personale di Pino Schettino, Castello di Palazzo, apertura fino al 19 Settembre; a seguire musica dal vivo

02/08/2009 ore 21,00 spettacolo teatrale in piazza Garibaldi, Arcevia, a cura dell’Associazione India nel Cuore

07/08/2009 ore 21,30, conferenza storica “Antichi toponimi nella storia delle Valli del Misa e Cesano”, chiesa di San Francesco, a cura dell’Associazione Ager Gallicus

08/08/2009 ore 21,00, inaugurazione della mostra personale di Maristella Campolunghi, Castello di Castiglioni, apertura fino al 27 Settembre

12/08/2009 ore 21,30 conferenza storica “La Storia secolare del Cassero di Rocca Contrada”, chiesa di San Francesco, a cura dell’Associazione Ager Gallicus

25/08/2009 “stage” sul Libro d’Artista, con Tiziana Aliffi ed Enrico Camporese, fino al 27 Agosto.

28/08/2009 ore 17,30 inaugurazione mostra collettiva, presso ex chiesa di Sam Giovanni, Palazzo dei Priori, Centro Cultrurale San Francesco, installazioni nel contesto urbano
ore 21,00 Teatro Misa, “IO” spettacolo teatrale regia di Flavia Mastrella e Antonio Rezza con Antonio Rezza

29/08/2009 ore 16,00 - 19,00 “Live Arts”, performances nei luoghi espositivi
ore 21,00 Teatro Misa, “Cor[t]inscena”, prima rassegna di corti teatrali

30/08/2009 ore 18,00 Teatro Misa, spettacolo teatrale di e con Stefano Lucarelli “Terrecotte”

04/09/2009 ore 21,00 Teatro Misa, Pasquale Mirra in “Moderatamente solo” concerto per vibrafono e giocattoli

11/09/2009 ore 21,00 Palazzo dei Priori, incontro con il curatore del Festival Massimo Nicotra “Contemporaneo Oggi”

12/09/2009 ore 16,00 visita guidata alle mostre ed installazioni di Ar[t]cevia International Art Festival 2009

19/09/2009 ore 20,30 Park Hotel, via Roma, Arcevia, cena evento “I Sapori dell’Arte”, in collaborazione con la Condotta Slow Food Castelli di Jesi

23/09/2009 ore 15,00 Teatro Misa, presentazione del libro “Cosa rimane della Memoria”, in collaborazione con LiberEtà Edizioni

03/10/2009 ore 10,00 visita guidata alle mostre ed installazioni di Ar[t]cevia International Art Festival 2009 dedicata agli istituti scolastici

10/10/2009 dalle ore 19,00 Ar[t]rivederci, festa di chiusura di Ar[t]cevia International Art Festival 2009, con spettacolo musicale e saluto per l’edizione 2010.

Le mie opere alla Biennale

Tuesday, June 9th, 2009


krossing, evento collaterale della 53. esposizione internazionale d’arte di venezia.
Le mie opere: through the multiple states of the being. trittico.

con materia prima alla biennale di venezia

Saturday, June 6th, 2009


through the multiple states of the being
trittico. 110 x 150 per tre opere
mixed media on mdf
esposto a forte marghera per krossing, evento collaterale della 53. biennale di venezia

AR(t)CEVIA International Art Festival, edizione 2009

Friday, February 13th, 2009

Dopo il sucesso della passata edizione, CGROUP inizia una nuova selezione di artisti per la prossima edizione:

Luoghi espositivi: siti nel comune di Arcevia (an)
Serie di eventi sotto il patrocinio del Comune
Periodo mostre: Luglio-ottobre
Sito di riferimento (ed 2008): www.artcevia.org
Curatore: Massimo Nicotra
Per selezione o presentare progetti contattare masimonicotra@hotmail.com
Il materiale per la selezione può essere anche inviato Massimo Nicotra casella postale 60 60011Arcevia (an)
La selezione chiude a marzo 2009.